Esegesi AT

Esegesi AT 2016-2017

Esegesi AT
*L’itinerario geografico-teologico di Abramo (Gn 11,27 - 25,11).

– Requisiti. Si richiede che lo studente abbia frequentato il corso di Ebraico biblico (A) e che sia in grado di destreggiarsi nel campo della metodologia biblica dell’AT.
– Scopo generale e contenuto. Il ciclo di Abramo è composto da una serie di episodi apparentemente slegati tra loro; in realtà il redattore li raggruppa secondo criteri intelligenti e significativi. Uno di questi è certamente costituito dall’itinerario geografico del patriarca. Il corso si propone di evidenziare come l’itinerario di Abramo non sia soltanto un insieme confuso o casuale di spostamenti nel paese di Canaan, bensì un itinerario di fede, che conduce il patriarca alla ricerca di una terra, di un figlio e soprattutto di Dio.
– Tipo di corso, metodologia di insegnamento. Il percorso dell’indagine sarà articolato in tre momenti: 1) una presentazione della pericope nel contesto del ciclo di Abramo; 2) l’esegesi dei versetti che interessano in particolare il tema dell’itinerario; 3) una teologia redazionale che evidenzi come questa trama geografico-teologica fosse molto significativa per gli esuli giudei di Babilonia che si apprestavano a ritornare nella terra dei padri, in quanto forniva loro a partire dal modello-Abramo la motivazione teologica del loro ritorno nella terra dei padri.
– Metodo di valutazione finale. L’esame finale sarà scritto.
Bibl.: Studi sul tema: K.A. Deurloo, «Narrative Geographie in the Abraham Cycle», OTS 26 (1990) 48-62; Id., «The Way of Abraham. Routes and Localities as Narrative Data in Gen. 11:27-25:11», in M. Kessler (a cura di), Voices from Amsterdam. A Modern Tradition of Reading Biblical Narrative (SBL SS), Atlanta (GA) 1994, pp. 95-112; A. Lemaire, «Cycle primitive d’Abraham et context géographico-politique», in A. Lemaire – B. Otzen (a cura di), History and Traditions of Early Israel. Studies Presented to Eduard Nielsen (VT.S 50), Leiden – New York – Köln 1993, 62-75; Id., «Les routes du Proche-Orient. Des séjours d’Abraham aux caravans de l’encens», Le Monde de la Bible, Paris 2000; J. Blenkinsopp, «Abraham as Paradigm in the Priestly History in Genesis», JBL 128 (2009) 225-241; J. Strange, «Géographie and Tradition in the Patriarchal Narratives», SJOT 11 (1997), 210-222; J.-M. Poirier, «“De campement en campement, Abramo alla au Négev” (Gn 12,9). Le thème de la marche dans le cycle d’Abraham», in J.E. Aguilar Chiu – K.J. O’Mahony – M. Roger (a cura di), Bible et Terre Sainte. Mélanges Marcel Beaudry, New York 2008, 31-45; A. Passaro – A. Pitta (a cura di), Abramo tra storia e fede. XLII Settimana Biblica Nazionale (Roma, 10-14 Settembre 2012), RSB 26 (2014).
– Commentari: H. Gunkel, Genesis (Mercer Library of Biblical Studies), Macon (GA) 1997, orig. ted. 1901; 31910; F. Giuntoli, Genesi 1-11. Introduzione, traduzione, commento (Nuova versione della Bibbia dai testi antichi 1), Cinisello Balsamo 2013; Id., Genesi 12-50. Introduzione, traduzione, commento (Nuova versione della Bibbia dai testi antichi 2), Cinisello Balsamo 2013; G.J. Wenham, Genesis 1-15 (Word Biblical Commentary 2), Dallas (TX) 1987; Id., Genesis 16-50 (Word Biblical Commentary 2), Dallas (TX) 1994; C.A. Evans – J.N. Lohr – D.L. Petersen (a cura di), The Book of Genesis: Composition, Reception, and Interpretation (Vetus Testamentum Supplements 152), Leiden – Boston 2012.
M. Priotto

**I salmi acrostici del V libro del Salterio: analisi esegetica.
– Requisiti. Si richiede che lo studente abbia frequentato il corso di Ebraico biblico (A) e abbia almeno qualche nozione di critica testuale.
– Scopo generale e contenuto. Il corso si prefigge di studiare i 4 salmi acrostici alfabetici del V libro del Salterio: Sal 111; 112; 119; 145. L’obiettivo è cercare di comprendere il senso e il valore di questo artificio letterario, con particolare riguardo al milieu d’origine di questi salmi e al loro possibile valore strutturante all’interno del Salterio e in particolare del suo ultimo libro.
– Tipo di corso, metodologia di insegnamento. Si partirà dall’analisi del testo dei salmi, criticamente ricostruito, dando particolare risalto alla struttura poetica dei componimenti in esame. Gli studenti saranno iniziati ai metodi di analisi retorica biblica e sollecitati a lavorare essi stessi sul testo dei salmi per individuarne la struttura.
– Metodo di valutazione finale. La valutazione finale terrà conto della partecipazione dello studente nelle lezioni. L’esame finale sarà scritto, e allo studente sarà richiesto di tradurre e fare l’esegesi di una stanza o una strofa di uno dei salmi studiati in classe, e di rispondere a una domanda sull’architettura del V libro del Salterio.
Bibl.: L.C. Allen, Psalms 101-150 Revised (WBC 21), Dallas 2002; L. Alonso Schökel – C. Carniti, I Salmi. II (Commenti biblici), Torino 1993; M. Dahood, Psalms III (AncB), Garden City 1970; N.L. DeClaissé-Walford – R.A. Jacobson – B. LaNeel Tanner, The Book of Psalms (NICOT), Grand Rapids – Cambridge 2014; F. Delitzsch, Biblischer Kommentar über die Psalmen (BC 4/1), Leipzig 51894; J.P. Fokkelman, Major Poems of the Hebrew Bible at the Interface of Prosody and Structural Analysis. Vol. II: 85 Psalms and Job 4–14 (Studia Semitica Neerlandica), Assen 2000; Id., Major Poems of the Hebrew Bible at the Interface of Prosody and Structural Analysis. Vol. III: The Remaining 65 Psalms (Studia Semitica Neerlandica), Assen 2003; M. Girard, Les Psaumes redécouverts. De la structure au sens. III, Montréal 1996; J. Goldingay, Psalms. Volume 3 (BCOT.WP), Grand Rapids 2008; H. Gunkel, Die Psalmen (Göttingen 51968); F.-L. Hossfeld – E. Zenger, Psalmen 101-150 (HThKAT), Freiburg – Basel – Wien 2008; H.-J. Kraus, Psalmen. 2. Teilband: 60-150 (BKAT), Neukirchen-Vluyn 72003; T. Lorenzin, I Salmi. Nuova versione, introduzione e commento (I Libri Biblici. Primo Testamento 14), Milano 2000; P. van der Lugt, Cantos and Strophes in Biblical Hebrew Poetry III. Psalms 90-150 and Psalm 1 (OTS 63), Leiden – Boston 2014; J.L. Mays, Psalms (Interpretation), Louisville 1994; G. Ravasi, Il libro dei Salmi. Commento e attualizzazione. Volume IIIº (101-150) (Lettura pastorale della Bibbia 17), Bologna 1984; K. Seybold, Die Psalmen (HAT I/15) Tübingen 1996; J. Trublet – J.-N. Aletti, Approche poétique et théologique des Psaumes. Analyse et Méthodes (Initiations) Paris 1983; J.-L. Vesco, Le Psautier de David traduit et commenté. II (LeDiv 212), Paris 2006; B. Weber, Werkbuch Psalmen II. Die Psalmen 73 Bis 150 (Stuttgart 2003). Ulteriore bibliografia specifica sui singoli salmi e sul V libro sarà fornita nel contesto del corso.
A. Coniglio

**Dallo sterminio all’alleanza (Gs 6–9).
– Requisiti. Si richiede la conoscenza dell’ebraico, il saper leggere l’apparato critico della BHS e l’aver seguito il corso introduttivo all’AT.
– Scopo generale del corso: A. Descrizione generale del corso. L’inizio vittorioso della conquista della Terra promessa contrasta con la disastrosa sconfitta presso Ai. La disobbedienza al comando di sterminio frena l’avanzata iniziale d’Israele. Le narrazioni delle prime vicende con le popolazioni locali pongono considerevoli difficoltà per il lettore odierno: la legge dello sterminio, le battaglie crudeli, la punizione senza misericordia, etc. Un tale atteggiamento d’Israele nei confronti dei popoli contrasta con un altro comportamento, quello del patto con dei Gabaoniti. Per trovare le risposte alle difficoltà, i testi di Gs 5,13–12,24 e Dt 7; 20 saranno studiati sia in modo sincronico che diacronico. 1) Il corso presenterà alcune problematiche del testo e stimoli dalla ricerca contemporanea. 2) Lo studio della narrazione della conquista identificherà i temi principali e anche problematici ed introdurrà le questioni storiche e tematiche che potrebbero avere influenzato la composizione di questa parte del libro. 3) Oltre ai temi indicati, debita attenzione sarà data al ruolo del capo, Giosuè, in questa sezione. Alle analisi seguirà una sintesi tematica e teologica.
B. Scopo specifico del corso. Il corso ha tre scopi principali. Il primo è il livello di conoscenza del testo biblico. Si tratterà di familiarizzarsi con i brani del libro di Giosuè che riguardano la conquista della Terra promessa (Gs 5,13–12,24) e con i testi relativi sullo sterminio nel Deuteronomio. Il secondo scopo è quello di fornire alcuni strumenti metodologici necessari per una lettura critica dei testi narrativi in comparazione con i testi legislativi, seguita da un loro esame diacronico. Il terzo scopo è quello di introdurre nella storia della ricerca e nella discussione recente in merito, e di acquistare una capacità critica nella lettura della letteratura secondaria fondandosi sul testo biblico.
– Tipo di corso, metodologia di insegnamento e supporti didattici usati. Il corso consisterà in lezioni frontali, nelle quali sarà richiesta agli studenti una lettura e una traduzione dei testi studiati. Le lezioni saranno integrate con una lettura di approfondimento (cca 250 pagine di testi diversi) indicata durante le lezioni. La conoscenza passiva dell’inglese è necessaria.
– Metodo di valutazione finale dello studente esaminando. La valutazione sarà fatta a due livelli. Durante il corso, gli studenti faranno una nota esegetica, di due pagine ciascuna, su alcuni brani che saranno indicati. Alla fine, ci sarà un esame orale.
Bibl.: E. Ballhorn, Israel am Jordan. Narrative Topographie im Buch Josua (BBB 162), Bonn 2011; K. Bekkum, From Conquest to Coexistence. Ideology and Antiquariam Intent in the Historiography of Israel’s Settlement in Canaan (CHANE 45), Leiden – Boston 2011; P. Béré, Le second Serviteur de Yhwh. Un portrait exégétique de Josué dans le livre éponyme (OBO 253), Fribourg – Göttingen 2012; J.A. Berman, Narrative Analogy in the Hebrew Bible Battle Stories and Their Aquivalent Non-battle Narratives, (VTSup 103), Leiden – Boston 2004; J.A. Berman, “The making of the Sin of Achan (Joshua 7)”, Biblical Interpretation 22 (2014) 115–131; K. Bieberstein, Josua – Jordan – Jericho. Archäologie, Geschichte und Theologie der Landnahmeerzählungen Josua 1–6 (OBO 143), Göttingen 1995; W. Brueggemann, The Land. Place as Gift, Promise, and Challenge in Biblical Faith (Overtures to Biblical Theology 1); Philadelphia 1977; T.C. Butler, Joshua 1–12 (WBC 7A), Grand Rapids (MI) 22014; J.F.D. Creach, Joshua, Louisville (KY) 2003 [= Giosuè, Torino 2012]; W. Dietrich, “Achans Diebstahl (Jos 7): eine Kriminalgeschichte aus frühpersischer Zeit”, in M. Pietsch – F. Hartenstein (Hrsg), Sieben Augen auf einem Stein (Sach 3,9). Studien zur Literatur des Zweiten Tempels, Neukirchen-Vluyn 2007, 57–67; Th.B. Dozeman, Joshua 1–12. A New Translation with Introduction and Commentary (The Anchor Yale Bible 6B), New Haven – London 2015; S. Ernst, “Jahwe als Kriegsherr in den Eroberungsberichten von Jericho und Ai (Jos 6 und 8). Ein Vergleich der erzählerischen Mittel von ‘Schreibtischstrategen’”, in S. Ernst – M. Häusl (Hrsg.), Kulte, Priester, Rituale. Beiträge zu Kult und Kultkritik im Alten Testament und Alten Orient (ATSAT 89), St. Ottilien 2010, 159–174; S.L. Hall, Conquering Character. The Characterization of Joshua in Joshua 1–11 (LHBOTS 512), New York – London 2010; L.D. Hawk, “The Truth about Conquest: Joshua as History, Narrative, and Scripture”, Interpretation 66 (2012) 129–140; M. van der Meer, Formation and Reformulation. The Redaction of the Book of Joshua in the Light of the Oldest Textual Witnesses (VTS 102), Leiden 2004; R. Nelson, Joshua. A Commentary (OTL), Louisville (KY) 1997; E. Noort (a cura di), The Book of Joshua (BETL 250), Leuven – Paris – Walpole (MA) 2012; B. Margalit, “The Day the Sun Did Not Stand Still: A New Look at Joshua X. 8-15”, VT 42 (1992) 466-491; G. Mitchell, Together in the Land. A Reading of the Book of Joshua (JSOTSup 134), Sheffield 1993; Th. Römer – K. Schmid (a cura di), Les dernières rédactions du Pentateuque, de l’Hexateuque et de l’Ennéateuque (BETL 203), Leuven 2007; H.N. Rösel, Joshua (HCOT), Leuven – Paris – Walpole (MA) 2011; E.H. Scheffler, “Reflecting on (non-)Violence in the Book of Deuteronomy in (Old Testament) Canonical Context”, OTE 27 (2014) 579-596; J.L. Sicre, Josué (Nueva Biblia Española), Estella (Navarra) 2002 [= Giosuè, Roma 2004]; J.-L. Ska, “Josh 8:30-35: Israel officially takes possession of the land”, in M. Arneth – R. Achenbach (Hrsg.) “Gerechtigkeit und Recht zu üben” (Gen 18,19). Studien zur altorientalischen und biblischen Rechtsgeschichte, zur Religionsgeschichte Israels und zur Religionssoziologie, (BZAR 13), Wiesbaden 2009, 308-316; B. Štrba, Take off your Sandals from your Feet! An Exegetical Study of Josh 5,13-15, (ÖBS 32), Frankfurt a.M. et al. 2008; M.H. Woudstra, The Book of Joshua (NICOT), Grand Rapids 1981.
B. Štrba

Share

Segreteria

La segreteria dell'SBF è aperta con il seguente orario:

Lunedì: ore 10:30-12:30
Martedì: ore 10:30-12:30
Giovedì: ore 10:30-12:30

N.B. L’ufficio della Segreteria rimane chiuso dal 1 luglio al 20 settembre.

E-mail: secretary@studiumbiblicum.org

Info utili

Studium Biblicum Franciscanum

Flagellation Monastery (Via Dolorosa)
POB 19424
9119301 Jerusalem
Israel
Tel. +972-2-6270485 / 6270444;
Fax. +972-2-6264519


Istituzioni simili